ISS INFO - ARI SEZIONE DI VERONA

A.R.I. Sezione di Verona - IQ3VO
Vai ai contenuti

ISS INFO

Attività ARI Verona > Contest & DX
COME RICEVERE LA ISS

La ISS, International Space Station, è un grande laboratorio spaziale orbitante intorno alla Terra ed è il frutto della collaborazione fra diverse Agenzie Spaziali internazionali, italiana compresa.
Il primo modulo, denominato Zarya, venne lanciato nello spazio dai russi il 20.11.1998 dalla Base di Bajkonour in Kazakistan.
Da allora e per una dozzina di anni, sono stati aggiunti diversi moduli portati nella ISS dagli Shuttle, fino al suo completamento.
Attualmente la ISS è completa in tutte le sue parti e ci "vivono", mediamente, sei astronauti.
La Stazione Spaziale Internazionale compie un'orbita intorno alla terra in circa 90 minuti poichè viaggia a circa 27.000 km all'ora. La sua altezza da terra è di circa 400 km. L'orbita, a "basso volo", viene definita  LEO (Low Earth Orbit).
Gli astronauti che vi "soggiornano" svolgono esperimenti di tutti i tipi. Nella ISS vige l'ora UTC. Durante il tempo libero gli astronauti si dedicano a varie attività. Molto interessante quella fotografica, mandando sulla terra foto di straordinaria bellezza.
Un'altra attività, cara a noi radioamatori, è la possibilità di effettuare collegamenti radioamatoriali, avendo a disposizione una radio VHF/UHF.
L'attività radioamatoriale viene effettuata prevalentemente con le scuole e fa parte di un programma specifico denominato ARISS (Amateur Radio on International Space Station). Con esso possono effettuare i collegamenti con le scuole di tutto il mondo che partecipano agli ARISS School Contact.
I collegamenti che rientrano nel Programma "ARISS" vengono effettuati durante "l'orario di servizio" previa prenotazione, con tempi di attesa abbastanza lunghi.
Oltre all'attività prevista dal Programma ARISS, gli astronauti radioamatori possono occasionalmente effettuare QSO con fortunati radioamatori che a terra raccolgono tempestivamente il loro CQ.
Per seguire tutto questo, bisogna conoscere innanzitutto la posizione della ISS e quando passerà sopra la nostra area. Per questo ci vengono in aiuto diversi software, freeware e non, che si trovano facilmente in rete.
Una volta installato il programma di tracking, per la corretta localizzazione della ISS è indispensabile inserire le proprie coordinate geografiche. Almeno settimanalmente dovranno essere aggiornati i dati kepleriani e in questo modo si può visualizzare la esatta posizione della ISS sopra di noi. Un passaggio della ISS può essere acquisibile per una decina di minuti.
Quando la ISS è acquisibile, si può accendere la radio e sintonizzarsi sulla frequanza di MHz 145.800, e ascoltare......
Se vi è in programma un contatto previsto dal Programma ARISS, si potà sentire l'astronauta radioamatore che risponde alle domande che gli vengono poste dagli studenti. Poichè, come scritto in precedenza, questi contatti devono essere prenotati, l'astronauta è già in possesso della lista delle domande.
Se invece vi siete sintonizzati a 145.800 e non sentite nulla, allora provate a spostarvi un poco più in alto, a 145.825 fm dove potrebbe essere attivo il packet.
Questa attività da un pò è spesso trascurata, ma non appena dovesse riprendere regolarmente, verranno messe informazioni utili per fare attività attraverso la ISS. Si possono fare dei collegamenti con altri corrispondenti in modo "unproto" o scrivere dei messaggi nella mailbox.
Altra attività interessante e svolta soprattutto dagli astronauti radioamatori russi, è la SSTV. Questa attività viene annunciata in anticipo dal Sito ARISS  (www.ariss.org/).
Le trasmissioni in SSTV avvengono sulla frequenza di 145.800, in FM e da un pò di tempo anche in alta definizione. Per l'alta definizione, di norma viene usato il modo PD120, il tempo necessario perchè si formi una immagine è di 2 minuti . Se il segnale sarà ottimo e privo di interferenze, la foto che si riceverà sarà bellissima. Gli astronauti russi, ad ogni ricorrenza importante, allietano i radioamatori con queste belle immagini.
Diversi sono i software che si possono utilizzare per ricevere la SSTV dalla ISS. Tutto dipende dalla simpatia personale verso un determinato software.
Dopo aver fatto un pò di pratica con la ricezione, se ci sarà l'occasione si potrà provare a rispondere ad una delle chiamate dell'astronauta, ma attenzione, solo se non sta effettuando un collegamento con le scuole, in tal caso limitatevi all'ascolto.
La buona regola da rispettare è: ascoltare, ascoltare, ascoltare, poi trasmettere!
Nel caso fortuito che il nostro collega radioamatore stia facendo dei normali QSO alla frequenza di 145.800, mettete lo shift a -600 come un normale ripetitore e provate a chiamare e... buona fortuna!
Vi raccomando di NON chiamare mai sulla frequenza di 145.800 MHz e di non eccedere con la potenza del tx....
Per quanto riguarda le antenne, se avete quelle per il traffico via satellite tanto meglio, altrimenti, vista la relativa vicinanza, basterà una buona verticale o una piccola direttiva.

Buona attività!

Molte informazioni riguardanti la ISS ed i suoi programmi li potrete provare sul sito www.issfanclub.com

Articolo by:
IK3ASM Remigio Pressi
Torna ai contenuti